Spariscono il tacito rinnovo e i giorni di tolleranza assicurativa



Dal primo gennaio 2013 ci sarà un’importantissima novità per il settore assicurativo: per tutte le assicurazioni RCA scomparirà il tacito rinnovo.

Lo si può definire un cambiamento epocale perché porta particolari vantaggi e svantaggi ad ambo le parti.

Vantaggi e svantaggi per cliente
Il vantaggio sarà quello di non dover più comunicare entro 60 giorni dalla scadenza l’eventuale nostro rifiuto di continuare ad acquistare la polizza da quella compagnia. In questo modo sarà possibile cambiare compagnia anche l’ultimo giorno prima della scadenza.
Lo svantaggio è quello che scomparirà la tolleranza di 7 o 15 giorni post scadenza. Questo significa che alla mezzanotte del giorno della scadenza, non si sarà più coperti, e questa è purtroppo un’informazione che pochi automobilisti conoscono.

Vantaggi e svantaggi per le assicurazioni
Come si può intuire, le assicurazioni avranno lo svantaggio di non essere sicuri fino agli ultimi giorni che il cliente rinnoverà la polizza. L’unico vantaggio (nemmeno tanto grande) sarà quello di non dover assicurare il cliente più di 365 giorni, anche se in realtà è probabile che il vantaggio maggiore sarà la paura psicologica del cliente di non essere assicurato dopo la scadenza, quindi saranno in molto a non correre questo rischio recandosi diversi giorni in anticipo a ritirare la nuova assicurazione.

Sanzioni
Le sanzioni per chi verrà trovato senza assicurazione durante un posto di blocco delle forze dell’ordine consisteranno in una multa da 500 euro e il ritiro del libretto del veicolo.
Molti ricorderanno che prima di questo cambiamento ci si poteva vedere applicata la stessa sanzione anche durante il periodo di tolleranza: purtroppo non è mai stato chiaro il motivo per cui se la polizza era scaduta ma si stava godendo comunque della copertura assicurativa, le forze dell’ordine potevano sequestrare il veicolo e applicare la sanzione. Tipiche cose all’italiana.

La nuova riforma è l’Art. 22 del DL. 179 del 18.10.2012, che ha introdotto l’art. 170-bis al D.lgs. 209/2005 (codice delle assicurazioni private).