Occhi elettronici sull’Rc auto: la mancanza di assicurazione si rileva in automatico



Bollo auto controlli elettroniciLa dematerializzazione dell’attestato di rischio, che comporta la trasmissione telematica del documento assicurativo via posta elettronica al cambio di compagnia assicurativa, sarà in vigore già dal 1°luglio, ma la riforma delle assicurazioni sarà completa solo da ottobre, quando il tagliando assicurativo cartaceo verrà abolito. Da quel momento la mancanza di assicurazione potrà essere rilevata in automatico. Occhi elettronici sull’Rc auto: frodi, furti e mancati pagamenti saranno scovati in tempo reale.

L’utilizzo di moderni dispositivi, come telecamere a distanza e autovelox, consentirà alle forze dell’ordine di visualizzare in automatico la situazione assicurativa dei veicoli, ma non solo. Le autorità potranno scovare facilmente anche auto rubate e mancato pagamento delle assicurazioni, grazie al collegamento diretto con una banca dati.

Come funzionano gli occhi elettronici sull’Rc auto? Semplice. Mediante trasmissione TCP/IP, i dispositivi (già in uso in alcuni comuni italiani) leggono il numero di targa, e sono in grado di segnalare mancanza di assicurazione, assicurazione scaduta, la presenza di fermo assicurativo ed il passaggio irregolare in zona Ztl. La naturale evoluzione del sistema, vorrebbe che, oltre alla rilevazione, anche la sanzione delle irregolarità fosse automatica.

Il realtà, nonostante la riforma, siamo ancora lontani dall’introduzione della punizione in automatico nei confronti di chi viola le regole della strada. Ciò non toglie che il compito delle forze dell’ordine sarà facilitato dall’utilizzo degli occhi elettronici, potendo le autorità conoscere anticipatamente la situazione Rc auto del mezzo. Le sanzioni per mancanza di assicurazione inoltre non sono di poco conto, possono arrivare infatti a 3.287 Euro e comportare il sequestro del veicolo. Vero è che gli automobilisti possono essere sanzionati anche per una svista.

Con l’abolizione del tacito rinnovo assicurazione infatti, le polizze non si rinnovano più in automatico, ricadendo sull’utente l’onere di acquistare, al termine, una nuova Rc auto o di rinnovare quella esistente. Il periodo di tolleranza dalla scadenza ammonta a soli 15 giorni, entro i quali è necessario munirsi di una nuova copertura. Sul portale SosTariffe.it, è possibile confrontare diversi preventivi assicurazioni, scegliere la tariffa più bassa e personalizzare la propria polizza.

Attestato di rischio telematico: come reperirlo per cambiare assicurazione



Assicurazioni - attestato di rischio telematicoIl 1° luglio 2015 scatterà il passaggio all’attestato di rischio telematico. La nuova definizione dei rapporti tra clienti e compagnie di assicurazione però, ha seminato il panico in alcuni consumatori, che alle parole “telematicità” e “dematerializzazione” cadono in confusione. In realtà, anche i meno pratici col mondo web e con le modalità di gestione degli acquisti online, potranno affrontare il cambiamento in modo sereno, comprendendo in cosa consiste la rivoluzione.

Già da aprile di questo anno, è entrata in vigore la dematerializzione del tagliando assicurativo, che si sostanzia nel passaggio dall’uso di tagliandi cartacei da esporre sul parabrezza a tagliandi elettronici, per i quali le informazioni circa le polizze Rc auto ed Rc moto saranno contenuti in una banca dati che fa riferimento alle assicurazioni, e che potrà essere consultata in tempo reale dalle forze dell’ordine per verificare la validità dell’Rca, la sua scadenza, o eventuali falsificazioni. Allo stesso modo, anche l’attestato di rischio diventerà elettronico, ovvero dovrà essere trasmesso via email, sollevando i consumatori dall’onere della consegna cartacea in caso di cambio assicurazione.

Adiconsum, associazione di tutela dei consumatori, ha chiarito come l’impresa assicuratrice, oltre a garantire l’invio telematico dei documenti, dovrà fornire su richiesta del cliente anche la copia cartacea all’intermediario, che non potrà essere usata però, per la stipulazione di un nuovo contratto. Dal 1° luglio infatti, il passaggio all’attestato di rischio telematico, comporterà per i contratti in scadenza alla data indicata, l’acquisizione del documento da parte delle nuove compagnie di assicurazioni per via telematica.

La rivoluzione del settore assicurativo, cui è seguita la riforma delle assicurazioni, ha in realtà soltanto seguito la scia di un cambiamento messo in atto dai consumatori stessi. Di rcente l’Ivass ha comunicato i dati della propria indagine, contenente l’opinione attuale degli italiani circa le compagnie di assicurazione. L’esito è stato il seguente: nonostante la maggior parte dei premi Rc auto ed Rc moto siano ancora incassati dalle agenzie tradizionali, l’italiano medio definisce le assicurazioni ancora troppo tradizionali, e non al passo coi tempi. Molti automobilisti e motociclisti si rivolgono già da tempo all’assicurazione online, il modo pià veloce ed economico per cambiare compagnia.

Con SosTariffe.it i consumatori potranno mettere a confronto diversi preventivi Rc auto ed Rc moto, scovare il prezzo migliore e acquistare l’assicurazione online, risparmiando al pagamento con carta di credito. Una volta scelta la nuova Rca, le compagnie provvederanno allo scambio dell’attestato di rischio telematico, e al cliente non rimarrà che gestire comodamente la propria polizza dall’area clienti web della nuova impresa.