Annullamento volo low cost: come ottenere il rimborso



Volo assicurazioni e rimborsiAssicurazioni viaggio sì o no? E’ questa la domanda che ossessiona i viaggiatori durante la prenotazione di un volo low cost. Se è vero che le tariffe dei biglietti aerei sono molto economiche, è naturale chiedersi se vale la pena rischiare di perdere il costo del biglietto per non aver speso qualche euro in più in assicurazione (per confrontare i preventivi più convenienti utilizza il motore di ricerca polizze viaggio di SosTariffe.it). Come comportarsi ad esempio in caso di annullamento di un volo low cost? Si può ottenere un rimborso integrale?

E’ bene chiarire che le assicurazioni viaggio sono prodotti facoltativi, ma molto utili perché aventi lo scopo di proteggere chi viaggia da tutti i rischi della partenza, essenzialmente con una copertura spese mediche, con un risarcimento in caso di perdita o smarrimento del bagaglio (o altri valori) e con un rimborso per annullamento o interruzione del viaggio. La completezza delle polizze viaggio si rinviene di solito nelle formule offerte da compagnie specializzate come Columbus Direct, Coverwise e Holins, mentre le assicurazioni disponibili durante la prenotazione di un volo low cost, convenzionate con le compagnie aeree, riguardano solamente l’annullamento il ritardo aereo, l’assistenza in volo e in rari casi la responsabilità civile verso terzi.

L’aspetto da tenere in considerazione delle polizze annullamento offerte da molte compagnie aeree, è che non sempre è possibile ottenere l’indennizzo del biglietto, anche per chi ha acquistato l’assicurazione. Prima di acquistare la polizza infatti, bisogna leggere tra le righe delle condizioni contrattuali per scoprire se esistono casi di esclusione del risarcimento. Alcune assicurazioni infatti ammettono il rimborso per annullamento di un volo low cost solo in caso di malattia o infortunio, e lo stesso risarcimento del biglietto è subordinato alla presentazione di certificati medici da parte del viaggiatore. I costi sono contenuti, è vero, ma vale la pena spendere dai 5 ai 20 euro per una polizza che non rimborsa il mero annullamento, cioè la decisione di non partire? Non tutti sanno che fra le clausole di alcuni contratti c’è anche l’esclusione relativa all’annullamento per variazione dei permessi lavorativi: il classico motivo per chi spesso si è obbligati a rimandare la partenza.

In questi casi è meglio affidarsi a compagnie specializzate in assicurazioni viaggi personalizzate.

Quanto alle politiche delle principali compagnie a basso costo e alle assicurazioni proposte, tra cui Easy Jet e Ryan Air, il rimborso per annullamento di un volo low cost è garantito, ma ad alcune condizioni. Easy Jet ad esempio, fino a pochi anni fa, ammetteva l’annullamento solo fino al check-in del volo di andata e per un massimo di 1.250 euro, con una franchigia a carico del viaggiatore di 25 euro. Tuttavia la polizza in questione protegge anche contro la responsabilità civile, fornisce assistenza in viaggio e spese mediche, risarcisce il bagaglio e il ritardo aereo.

Ryan Air allo stesso modo, acquistando l’assicurazione, rimborsava il biglietto con una polizza UK General Insurance fino a 3mila euro, sempre e solo fino al check-in della partenza. Anche a questa copertura si aggiungono bagaglio, spese mediche e responsabilità civile.

Una volta acquistata l’assicurazione, e verificatosi l’annullamento, per ottenere il rimborso basta seguire le indicazioni fornite online dalla compagnia, scaricare il modello di richiesta indennizzo ed inviarlo secondo le modalità previste. Per le variazioni 2016 relative alle assicurazioni delle compagnie low cost si rimanda al sito ufficiale.